Crotone, Financial Times: «I 5 Stelle guadagnano consenso in un sud senza fiducia»

*Traduzione di Francesco Placco,
articolo di James Politi, Financial Times

I cinque stelle prosperano sulla perdita di fiducia degli elettori del sud Italia. Il sentimento anti – establishment è forte nella regione che ancora non beneficia della ripresa dell’eurozona.

Su un molo che si affaccia sul Mar Ionio in Calabria, la punta dello stivale italiano, Massimiliano Mano descrive a cosa va in contro – e perché sosterrà il movimento anti – sistema alle prossime elezioni.

Il quarantasettenne guadagna circa 12.000 euro all’anno nei due mesi di lavoro nei quali il suo ristorante è aperto. Uno dei suoi altri lavori in questi periodi, per supportare la moglie ed i suoi tre figli, consiste nell’organizzare feste in bar e locali – ma raramente qualcuno si presenta. «Le persone non vogliono pagare 5€ per un drink», dice. «Non puoi neanche offrirgli l’ingresso gratuito».

Politicamente il signor Mano è sempre stato di sinistra. Ma come molti altri italiani frustrati e scoraggiati per la difficile situazione economica delle regioni del sud, ora le sue speranze si trovano altrove. Continua a leggere “Crotone, Financial Times: «I 5 Stelle guadagnano consenso in un sud senza fiducia»”

MatchPol, un aborto mancato: trionfa la noia

Tempo fa scrivemmo del profilo alla ‘nduja di Esperia TV, della democristianità del  suo direttore di rete e del vecchiume che traspare dai programmi trasmessi sul canale 18 del digitale. Da allora ad oggi nulla è cambiato. Anzi, le cose sono incredibilmente peggiorate.

Audia è passato da democristiano a renzian – democristiano, sempre pronto a sottolineare la bravura dell’ex golden boy oggi finito in disgrazia. Poi è forse l’unica emittente a non avere un contenitore pomeridiano in diretta, soppresso all’improvviso non si capisce bene per quale motivo: sintomo, questo, di scarsa considerazione nei riguardi dei telespettatori e di scelte editoriali superficiali. Infine, ciliegina sulla torta, è ritornato Paolo Marra con l’ennesimo brutto programma sulle ricette: il solito format senza né capo né coda che ripropone in tutte le salse da oltre vent’anni, francamente non più accettabile in una terra bisognosa di una televisione matura che faccia opinione. Ma Esperia, che è priva di una qualsivoglia visione editoriale, lo acquista  e lo manda in onda senza problemi: l’importante è riempire. A prescindere dalla qualità e dall’utilità del prodotto finale. In buona compagnia con gran parte del parterre televisivo regionale. Continua a leggere “MatchPol, un aborto mancato: trionfa la noia”