Dirette TV, 14.000 € in propaganda elettorale a carico dei crotonesi

L’hanno venduto come un servizio per informare «tutti i cittadini sull’avvio delle attività di bonifica dell’ex area industriale», ma si è poi dimostrato nient’altro che un teatrino imbarazzante a carico delle casse comunali (già di per sé vuote). Il consiglio comunale del 15 maggio 2017, andato in onda su 6 emittenti, tra radio e tv, in diretta e in contemporanea (manco fosse la cronaca dell’allunaggio del ’69), ha generato una certa aspettativa anche per via del tema trattato: la tanto agognata e propagandata bonifica che dopo il rifiuto del precedente progetto, noto come “colline dei veleni”, e alla luce delle «nuove sinergie» sbandierate dalla maggioranza sculchiana, aveva creato una certa attesa da dovizia di particolari.  Continua a leggere “Dirette TV, 14.000 € in propaganda elettorale a carico dei crotonesi”

La differenziata farsa di Pugliese detto Sculco

Niente. Non ce la fa proprio Pugliese a non creare false speranze tra la cittadinanza con le sue uscite a vuoto (non certo a gratis, visto che l’imbarazzante comizietto sulla bonifica è costato una cosa come cinquemila euro) che puntualmente giornali e telegiornali riprendono senza porre una domanda o instillare un dubbio. Lo sceriffo col distintivo di plastica ci è ricascato. Non ha saputo tenere a bada la sua smania di protagonismo, che lo porta alla ricerca sfrenata del titolo ad effetto, ed ha annunciato l’inizio della famigerata raccolta differenziata. Quella che – come per la bonifica propagandata – nessuno aveva mai osato fare prima. E infatti nemmeno lui c’è riuscito. La differenziata – stando ai suoi continui proclami da progettista in piena crisi – sarebbe dovuta partire lunedì scorso. Ovvero tre giorni fa. Ma niente da fare: i cassonetti straboccano come sempre e i cittadini buttano tutto nell’indifferenziata. E c’è da capirli visto che sono gli unici (o quasi) cassonetti esistenti. Ed è proprio questo che Pugliese e l’artigiano Gaetani (riconfermato da Enzo Sculco senza meriti evidenti alla presidenza di Akrea) dovrebbero spiegare ai crotonesi: come è possibile fare la differenziata se non si parte col “porta a porta”, ovvero con l’unico modo serio per poter parlare di differenziata senza suscitare ilarità in chi ascolta?  Continua a leggere “La differenziata farsa di Pugliese detto Sculco”

Nel silenzio generale Pucci subentrerà a Esposito

Il candidato consigliere Giuseppe Pucci, nel prossimo consiglio comunale, subentrerà ad Alfonso Esposito, eletto con Crotone in Rete. E’ quanto si apprende dalle colonne del Quotidiano del Sud, unico giornale a riportare la notizia. L’articolo, firmato dal crotonese Giacinto Carvelli, parla di venti voti in meno attribuiti a Pucci nella “sezione 62”, ovverosia nella Scuola Elementare di Via Oceania a Papanice. Ebbene sì, una notizia così rilevante non è stata riportata da nessun altro giornale. In altre parole, i giornalisti di Crotone hanno ritenuto non opportuno riferire ai cittadini che nelle ultime comunali, vinte dal candidato sindaco di Sculco, sono stati riscontrati dei gravi errori di conteggio e che questa, al netto di quanto trapela, potrebbe essere solo la punta dell’iceberg. Insomma, fantascienza.

Pucci, candidato nella lista Crotone in Rete, insospettito dall’esito della votazione ha presentato un ricorso al TAR della Calabria (906/2016) affinché venissero ricontate le schede. La sua richiesta è stata accolta il 14 dicembre 2016, il riconteggio è avvenuto il 10 e il 12 gennaio. In entrambi i casi è stato appurato che le preferenze espresse sulle schede non corrispondevano a quelle riportate. La lista Crotone in Rete, nello scorso giugno, ha eletto sei consiglieri: Serafino Mauro, Marullo Roberto, Pagliaroli Pisano, Cavallo Raffaella, Gaetano Salvatore e appunto Esposito Alfonso che dovrà cedere il seggio a Pucci, così come stabilito dal TAR. Continua a leggere “Nel silenzio generale Pucci subentrerà a Esposito”

Coi voti di Sculco fa il sindaco per Sculco

Senza arte né parte, Ugo Pugliese è stato catapultato in politica da Enzo Sculco senza un vero e sincero progetto per la città. Politicamente invertebrato, Ugo rispondeva perfettamente all’identikit tracciato dalla potente famiglia politica crotonese, il cui declino sembrava ormai inevitabile fino a qualche anno fa (quando il capostipite era ai domiciliari e la delfina era ancora un pesciolino rosso). Oggi, invece, con lo spicciafaccende piazzato al Comune, la figlia in Regione che fa lingua in bocca con gente del calibro di Guccione, e Nicodemo Parrilla neo Presidente della Provincia, gli Sculco sono ritornati più agguerriti e forti di prima. Controllano Comune e Provincia di Crotone e contano su un plotone di amministratori all’interno del territorio crotonese dove, per altro, ha sede la fetta maggiore del loro bacino elettorale. Così, grazie ai sindaci e ai consiglieri dei comuni provinciali, Enzo ha piazzato un altro suo galoppino che, giustamente, non ha perso tempo per ringraziarlo sui giornali definendo l’ex leader della Margherita – oggi interdetto per sempre dai pubblici uffici – come la sua guida. In realtà si tratta di un vero e proprio telecomando che dirige tutto fuori dalle Istituzioni, alla luce del sole e senza che stampa, sindacati e gran parte delle altre forze politiche dicano alcunché (una cosa gravissima che dovrebbe essere oggetto di discussioni e di esposti alla Procura della Repubblica). Ma non solo. Parrilla, alias Enzo Sculco, ha vinto soprattutto grazie ai voti dei franco tiratori come Mario Galea, un dilettante della politica che si atteggia a portento. Già ai tempi del ballottaggio, insieme allo zio Rocco Gaetani (un uomo che rappresenta al meglio la mediocrità della classe dirigente crotonese), Galea diede il primo grande segnale spostando il suo pacchetto voti su Ugo Pugliese, indebolendo così Rosanna Barbieri, candidata a sindaco del suo partito. Ieri Galea è stato sfiduciato dal ruolo di capogruppo all’interno del Consiglio Comunale. Al suo posto proprio la professoressa Barbieri, la stessa alla quale l’allora spavaldo Galea all’indomani del ballottaggio attribuiva la sconfitta. Insomma, un vero talento politico il nipote dell’artigiano della qualità Gaetani: da doppiogiochista a silurato nel giro di pochi mesi. Ma Enzo è misericordioso, e Galea lo sa. Continua a leggere “Coi voti di Sculco fa il sindaco per Sculco”

Bonifica, Pugliese non sa che pesci prendere

Dio solo sa quanto Crotone attenda di veder bonificata l’ex area industriale. E’ dal 1993 che si parla di “mettere in moto operazioni di bonifica”, e dopo un abbondante ventennio le cose sembrano finalmente concretizzarsi. Dapprima lo smantellamento della maggior parte degli stabili e degli edifici dell’area, i primi lavori preliminari, e, dopo una serie di problemi, finalmente il progetto.

Progetto che ha colto un po’ tutti di sorpresa. Syndial infatti ha proposto un’opera di bonifica insolita dalle nostre parti, anche se ampiamente utilizzata in tutto il resto del mondo: il tombamento dei rifiuti. Si prevede infatti la creazione di due colline artificiali (degli Ulivi e dei Tamerici), utilizzate per contenere i rifiuti e i materiali di scarto ricavati dalle operazioni di bonifica del terreno circostante. Nel complesso, almeno 11 anni di lavori. Continua a leggere “Bonifica, Pugliese non sa che pesci prendere”

Prossima Crotone, la solita arroganza

C’è una grande contraddizione nel nome della lista che ha “vinto” le ultime elezioni amministrative: più che rappresentare la Prossima Crotone, sembrano essere degni esponenti della Precedente Crotone. Quella arrogante e arroccata, che alza la voce per intimorire e attaccare. Atteggiamento classico di chi si sente padrone delle istituzioni che rappresenta. Continua a leggere “Prossima Crotone, la solita arroganza”

Crotone, trasparenza zero

Quello che vedete è un organigramma delle società partecipate dal Comune di Crotone. E’ un file vecchio e non aggiornato, ma attualmente è l’ultimo disponibile online. Risale al 2014, e da allora di cose ne sono cambiate parecchie. Ma non il file, che è rimasto lo stesso nonostante diverse partecipate siano sparite.

Succede lo stesso anche sul sito del Comune, dove l’elenco degli amministratori incaricati non viene aggiornato da almeno un anno, quando invece doveva essere aggiornato il 30 giugno scorso. La prossima scadenza sarà il 30 dicembre, e ci auguriamo che almeno entro gennaio il file sia disponibile. Continua a leggere “Crotone, trasparenza zero”

Il Comune acquista partecipate inutili

E’ stato convocato il consiglio comunale di questo mese. Si terrà il 20 dicembre. Anche questa volta un’amara constatazione: dei 33 punti all’ordine del giorno, ben 28 riguardano l’approvazione di debiti fuori bilancio. Se col precedente consiglio si era già oltrepassato il milione di debiti, non diventa così remota l’opzione di superare anche i due milioni.

Qualcosa di positivo, però, c’è. Dopo ben 6 anni, finalmente, troviamo una ricognizione sul Piano Strutturale Comunale e il Piano Comunale di Protezione Civile di cui non ci eravamo ancora dotati (siamo ultimi anche in questo: solo 14 paesi della provincia di Crotone si sono dotati del piano per le emergenze). Debiti a parte, ci sono almeno altri due motivi per storcere il naso.

Il primo riguarda l’aumento del capitale sociale per Marina di Crotone S.p.A., una società partecipata, anche questa nata ben 6 anni fa, che non è mai formalmente entrata in attività, e nonostante ciò produce debiti già dal 2011 e non ha mai concluso un anno con il segno positivo. Attualmente il Comune di Crotone detiene il 47,5% di questa società. Continua a leggere “Il Comune acquista partecipate inutili”

Flora chiama Carbone per volare in Senato

Flora chiama Ernesto Carbone per tentare l’imbarco sul diretto Crotone – Roma. È lo stesso Carbone che auspica la chiusura dello scalo crotonese così da «potenziare Lamezia». Un paradosso tutto sculchiano. Uno dei tanti paradossi che hanno animato la kermesse dell’altro ieri organizzata dalla principessa Flora e da Re Enzo al Lido degli Scogli. Avrebbe dovuto prendere parte anche il Ministro Galletti ma alla fine ha dato forfait. Evidentemente qualcuno gli avrà suggerito che venire a Crotone per parlare di referendum anziché di bonifica non sarebbe stata una buona idea. Va detto anche che uno come Galletti non sposta nulla; avrebbe funto da semplice soprammobile istituzionale: una buona occasione per vantare la presenza di un esponente del Governo nazionale. Peccato però aver sbagliato Ministro. Evidentemente era l’unico disposto a venire a sculcolandia. Hanno comunque portato Carbone, uomo di Renzi e membro della direzione nazionale dello stesso partito a cui Flora attribuisce, tra le altre cose, la chiusura dell’aeroporto. 

Paraculo, non si è comunque tirato indietro e ha tentato di levigare le sue affermazioni di un anno e mezzo fa rilasciate ad Amantea e che tanto hanno fatto discutere: «Non ho mai detto che andrebbe chiuso l’aeroporto di Crotone ma che, in un mondo perfetto, ci vorrebbe un treno super veloce da Lamezia a Crotone». Per dire: in un mondo perfetto Carbone non sarebbe parlamentare; Enzo farebbe volontariato; Renzi la gavetta. Poi, continuando nel suo delirio, ha paragonaro la Calabria alla sua terra adottiva, l’Emilia. È evidente che Carbone, troppo impegnato in TV e a cambiare corrente di partito, non ha ben chiara la situazione infrastrutturale calabrese e nella fattispecie crotonese. Lui sogna un mondo perfetto ma non ha capito che a Crotone non c’è nemmeno la stazione. Poverino, ha provato ad aggiustare le cose ma è riuscito incredibilmente a peggiorarle. Del resto è noto ai più per il suo «#Ciaone» twittato agli elettori dell’ultimo referendum di aprile quando, da lì a poco, ce ne sarebbe stato un altro (che per l’appunto promuove). In altre parole, una volpe incompresa. Continua a leggere “Flora chiama Carbone per volare in Senato”

Sindaco, lei è scandaloso

La sensazione, dopo l’ultima uscita dello scapestrato Pugliese, è che il (non) sindaco abbia preso nel suo staff l’eterno numero due della politica crotonese, Arturo Crugliano Pantisano. Altrimenti come spiegare l’imbarazzante intervista rilasciata dal marinaio con la fascia in cui anziché rispondere a domande precise ha preferito, da buon impreparato, porne altre così da evitare le risposte? Una classica mossa comunicativa alla Arturo, celebre personaggio fiabesco senza un finale preciso. Da probabile sindaco, il delfino di Peppino Vallone, è finito nel dimenticatoio. Gli hanno però lasciato uno smartphone per supportare il “Sì” attraverso esilaranti commenti in salsa renziana – grillina. Proprio ai grillini crotonesi (nonché alla città) doveva rispondere Pugliese, ma anziché spiegare la posizione della sua giunta di cartone ha pensato bene di rifilare una serie di domande da pseudo primo della classe e tentare la mossa dell’uomo con le idee chiare. In realtà Pugliese ha fatto la figura dell’improvvisato e del subordinato qual è. A un certo punto dell’intervista gli viene fatto notare che ha posto solo domande senza mai rispondere e men che meno nel merito. Continua a leggere “Sindaco, lei è scandaloso”