Coi voti di Sculco fa il sindaco per Sculco

Senza arte né parte, Ugo Pugliese è stato catapultato in politica da Enzo Sculco senza un vero e sincero progetto per la città. Politicamente invertebrato, Ugo rispondeva perfettamente all’identikit tracciato dalla potente famiglia politica crotonese, il cui declino sembrava ormai inevitabile fino a qualche anno fa (quando il capostipite era ai domiciliari e la delfina era ancora un pesciolino rosso). Oggi, invece, con lo spicciafaccende piazzato al Comune, la figlia in Regione che fa lingua in bocca con gente del calibro di Guccione, e Nicodemo Parrilla neo Presidente della Provincia, gli Sculco sono ritornati più agguerriti e forti di prima. Controllano Comune e Provincia di Crotone e contano su un plotone di amministratori all’interno del territorio crotonese dove, per altro, ha sede la fetta maggiore del loro bacino elettorale. Così, grazie ai sindaci e ai consiglieri dei comuni provinciali, Enzo ha piazzato un altro suo galoppino che, giustamente, non ha perso tempo per ringraziarlo sui giornali definendo l’ex leader della Margherita – oggi interdetto per sempre dai pubblici uffici – come la sua guida. In realtà si tratta di un vero e proprio telecomando che dirige tutto fuori dalle Istituzioni, alla luce del sole e senza che stampa, sindacati e gran parte delle altre forze politiche dicano alcunché (una cosa gravissima che dovrebbe essere oggetto di discussioni e di esposti alla Procura della Repubblica). Ma non solo. Parrilla, alias Enzo Sculco, ha vinto soprattutto grazie ai voti dei franco tiratori come Mario Galea, un dilettante della politica che si atteggia a portento. Già ai tempi del ballottaggio, insieme allo zio Rocco Gaetani (un uomo che rappresenta al meglio la mediocrità della classe dirigente crotonese), Galea diede il primo grande segnale spostando il suo pacchetto voti su Ugo Pugliese, indebolendo così Rosanna Barbieri, candidata a sindaco del suo partito. Ieri Galea è stato sfiduciato dal ruolo di capogruppo all’interno del Consiglio Comunale. Al suo posto proprio la professoressa Barbieri, la stessa alla quale l’allora spavaldo Galea all’indomani del ballottaggio attribuiva la sconfitta. Insomma, un vero talento politico il nipote dell’artigiano della qualità Gaetani: da doppiogiochista a silurato nel giro di pochi mesi. Ma Enzo è misericordioso, e Galea lo sa.

Così come si sapeva che il Pd appoggiava Sculco sin dall’inizio (dunque zero opposizione, grillini a parte): poverini quei ragazzi, oggi spaparanzati in maggioranza, che in campagna elettorale davano la colpa di tutto al fallimento del Pd per giustificare la loro candidatura col pluricondannato Sculco. Fanno quasi tenerezza. Di certo tanta tenerezza emana il povero Ugo Pugliese, che per stare dietro ai capricci della casa è costretto a difendere i potenti e a disinteressarsi della città, ancora oggi in uno stato completo di abbandono e degrado (ma lui ha introdotto gli orari per buttare la monnezza e quindi è a posto) che tutti vedono ma che nessuno denuncia. Dipendente dai progetti, dalle strategie e dagli umori della dinastia Sculco, il povero mozzo del Comune di Crotone è spesso obbligato a cambiare idea e a rimangiarsi la parola data. Nel 2015, in qualità di presidente del ‘Comitato S.O.S. Aeroporto’, andò contro il deputato Pd Ernesto Carbone perché a favore della chiusura dell’aeroporto Sant’Anna; da sindaco – mozzo, invece, lo ha accolto a braccia aperte nella stessa Città di Crotone (con un volo proveniente da Lamezia, pensate un po’) perché a Flora serviva il suo appoggio. Ma questo è niente se si parla di bonifica. Evidentemente, oltre che di personalità, Ugo è sprovvisto anche di un’agendina personale dove annotare le cose più importanti o forse il suo ufficio stampa non vale un fico secco (così come la sua giunta e la sua maggioranza di mediocri): ad ottobre, infatti, c’era sintonia con l’assessore Antonella Rizzo sulla linea regionale ‘discariche zero’; due mesi dopo Pugliese dichiara di volere una nuova discarica nel territorio comunale di Crotone. E’ così instabile che sul progetto di Bonifica presentato da Syndial, il non – sindaco, ha fatto collezione di pareri favorevoli e contrari, mezze verità e smentite (evidentemente il segnale da via Roma è disturbato).

L’11 novembre scorso, tramite un comunicato stampa, l’assessore regionale Rizzo ricorda che al tavolo ministeriale sulla bonifica del 12 ottobre 2016 Pugliese era presente e, visionati progetto e carte, aveva espresso soddisfazione sull’esito dell’incontro. Questo perché il primo cittadino, dopo circa un mese, aveva cambiato idea facendo slittare l’accordo tra il Comune di Crotone e la Regione Calabria (molto probabilmente per volontà di Flora, in perenne contrasto con il governatore Oliverio in quanto alleata di Carlo Guccione). Ma le figuracce non finiscono qui. Come fa notare Gaetano Megna de laprovinciakr.it, a margine dell’ultimo incontro tra Comune e Regione, tenutosi ancora una volta nella sede del Ministero dell’Ambiente (per fortuna), i comunicati diramati dai due enti non coincidono: l’assessore regionale Antonella Rizzo parla di discariche zero e del riutilizzo delle aree SIN (dunque progetto Syndial), mentre il Comune di Crotone parla di un totale accantonamento del progetto. Interpellata sulla discrasia delle due versioni, la Rizzo mette in seria difficoltà Ugo e la sua banda di improvvisati conoscitori della macchina pubblica (Sabrina Gentile su tutti): «Chiederò al ministero dell’Ambiente di pubblicare i verbali della riunione, così i cittadini si renderanno conto di come sono andate le cose». Con molta probabilità il signor Pugliese verrà smentito un’altra volta. Tutto regolare. Del resto ha preso i voti di Sculco ed è a Sculco che deve rispondere. Mica alla città.

di Antonio Belluomo Anello
Il Pitagorico

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...