Ecco perché Crotone deve continuare a cercare la Luna, sperando sia rossa

Crotone e i crotonesi si apprestano ad una nuova tornata elettorale, che probabilmente segnerà lo spartiacque tra le origini e le tradizioni della città ed il suo futuro. Aldilà delle molteplici forze sociali e politiche presenti sul territorio, che fanno riferimento talvolta all’uno talvolta all’altro progetto che negli ultimi anni sono stati messi in campo, la città deve interrogarsi sulla necessità della formazione di un nuovo tessuto sociale, ricostituendo le istituzioni cittadine intorno alle nuove competenze che tanti ragazzi e ragazze crotonesi hanno avuto la possibilità di costruire a causa dell’esilio forzato in “lidi” che hanno offerto maggiori opportunità culturali e lavorative. E’ necessario riflettere sulle motivazioni che possono e devono spingere la new generation a impegnarsi per fare Politica, a dedicare parte del loro tempo alle Associazioni, a lanciare la propria OPA sulle Istituzioni.

La riflessione si fa ancora più intrigante solo se si aggiunge un altro elemento: la città di Crotone; perché essere giovani a Crotone ha un significato del tutto particolare, ben diverso da quello che potrebbe avere una militanza politica in tante altre realtà. I Crotonesi hanno un bisogno sincero di eguaglianza e di dignità e queste cose, senza volersi illudere, solo la buona politica può costruirle. Politica, Partito, Militanza: sono parole che oggi suonano quasi come misteriose, difficili da trovare nei vocabolari dei giovani, nonostante rappresentino la storia di questa città, nei sui pregi e nelle sue contraddizioni. Eppure sono parole che meritano di essere riscoperte perché in sé hanno un messaggio nascosto che attende solo di essere riscoperto. Nell’alveo della politica il Partito Democratico è una creatura giovane, frutto di un’unione un po’ pasticciata tra storie diverse, ma è l’unico soggetto politico che utilizza ancora quella strana parola “Partito” e può ancora farlo solo perché è l’unica forza politica a reggersi su una rete di sezioni e militanti storici. Perché si fonda su una storia che anche Crotone ha vissuto. In questo senso il Pd è un occupante in paese straniero: le sezioni rimaste sono quelle del vecchio Pci e l’impronta di quegli anni non è mai stata cancellata. La si trova su qualche vecchio muro rosso, in una foto sbiadita di Gramsci, di Berlinguer, di Che Guevara e di tanti altri Compagni col pugno alzato. Questo mondo è il paese straniero e il Pd ne è il confuso occupante che a volte ricorda, a volte dimentica, a volte semplicemente se ne disinteressa.

Non tutto deve essere rievocato con nostalgia: ogni storia ha il suo tempo. Ciò non toglie che per continuare a scriverla la storia, sono necessarie delle mani che si uniscano e si diano da fare. Riconquistare Via Panella, aprire di nuovo quelle stanze per ripopolarle, ricolorarle e riviverle:innescare la miccia per una nuova rivoluzione ideologica, sociale, culturale e soprattutto morale. Insomma riconquistare uno spazio e una parola: la politica. Politica che se non è condivisione di idee, ideali e passione, diventa uno sterile gioco di potere. Un gioco che attualmente domina il partito e mina il coraggioso entusiasmo di chi ancora si avvicina e ci crede a certi spazi. Fare politica a sinistra significa riconoscere lo stretto legame che ci unisce come cittadini, un legame non meramente numerico fatto di gruppi e tessere, ma fatto di solidarietà e responsabilità. Fare politica vuol dire riconquistare una passione e un impegno in grado di regalare amicizie e nuove esperienze; stare ore a discutere per il semplice gusto di farlo per poi provare, ciascuno nel suo piccolo, a fare un gesto per la propria città. Il tutto sbagliando e imparando continuamente, con il tipico spirito di chi è giovane, non solo anagraficamente. Continuando a cercare la Luna e sperando che sia rossa.

di Manlio Caiazza per “Libere Opinioni
Segretario Giovani Democratici Crotone

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...